home repoblog unitn home page


Morandini: avanti con le T-Holding per salvare 1 mln di aziende in pericolo

Sat 24 Oct 2009, 01.26

Dal Sole 24 ore riprendo una notizia molto gettonata oggi sulle radio:
Oltre un milione di aziende sono a rischio. In un frangente tanto complesso il presidente di Piccola Industria di Confindustria, Giuseppe Morandini, all'undicesimo forum di Piccola Industria a Mantova ha scelto di presentare un messaggio incentrato soprattutto su un'idea: la necessitÓ di creare gli strumenti giuridici e societari per superare la crisi, puntando in primo luogo sul rafforzamento patrimoniale e sulla crescita dimensionale. Secondo uno studio commissionato all'UniversitÓ di Perugia, che ha analizzato un ampio campione di bilanci, un terzo delle piccole aziende sta andando bene, un terzo Ŕ in mezzo al guado e un terzo sta soffrendo. Nella simulazione econometrica realizzata dall'ateneo umbro, si crea un meccanismo di conferimento dei diritti di proprietÓ di una serie di aziende a una holding definita T-holding. A latere si costituisce un fondo a capitale pubblico e privato con due miliardi di disponibilitÓ che investe solo nelle aggregazioni di piccole imprese. Le linee di credito della T-holding sono garantite dall'accesso al credito diretto al fondo di garanzia. Se le banche desiderano investire nella T-holding, esse beneficiano di un trattamento fiscale di favore. La T-holding pu˛ contare su agevolazioni fiscali derivate dalla norma delle aggregazioni, che per˛ vanno rafforzate con la rivalutazione gratuita dei cespiti, senza tetti.
Aggregazione e ricapitalizzazione, quel che si dice prendere le vulnerabilitÓ delle nostre Pmi per le corna. Aspetto di leggere estratti pi¨ ampi dello studio dei colleghi di Perugia per capire meglio lo schema proposto.

Luca

Commenti precedenti:

Bartolo Mililli (24/10/2009 19.15) n/a

Ciao Luca, il Por Sicilia 2007-2013 è stato finanziato con un sacco di soldi, miliardi di euro. Sai quanti bandi ad oggi (siamo quasi al 2010) sono stati emanati? Zero o quasi... Inoltre quanti sono i Comuni e le Provincie siciliane che hanno dato il loro ok per l'attestazione (rilasciata dalle ragionerie generali degli enti) per consentire alle imprese che hanno crediti certi ed esigibili di smobilizzarli? Anche questo zero o quasi.... Non è questione di fare crescere in dimensioni le piccole aziende (che sono quelle che hanno salvato l'Italia dalla bancarotta) ne tanto meno fare t-holding....occorre che i burocrati che bloccano le opportunità per le aziende, fossero considerati "fannulloni"!

Luca (24/10/2009 21.03)

Caro Bartolo, so dei ritardi nell'impiego dei fondi strutturali per il Sud, POR, PON, FAS, etc. Non ho ancora capito bene dov'è il collo di bottiglia. Un po' il ritardo fa gioco rispetto all'esigenza di limitare il deficit di cassa, ma temo che una parte non piccola delle risorse non spese la dovremo dare indietro a Bruxelles.

Nicola (24/10/2009 21.50) n/a

Spesso quando ci sono i bandi le aziende li sconoscono; non vi è un'adeguata pubblicità o un supporto valido.

Anche in questo i confidi potrebbero giocare un ruolo determinante. I cosiddetti burocrati vedrebbero forse le loro scrivanie piene di domande.