Paper della Banca d'Italia sul rischio di concentrazione

Wed 10 Nov 2010, 09.43 Stampa

Nei temi di discussione della Banca d'Italia Ŕ stato pubblicato un paper di Vincenzo Tola su La misurazione del rischio di concentrazione geo-settoriale (scaricabile dal link). Ecco il riassunto:
L’oggetto di questo lavoro Ŕ l’applicazione al sistema bancario italiano del modello di misurazione del rischio di concentrazione geo-settoriale di Pykhtin. L’impostazione proposta generalizza il modello di portafoglio da cui discende la formula regolamentare, rimuovendo le ipotesi di esistenza di un unico fattore di rischio sistematico e di infinita granularitÓ del portafoglio. La differenza tra la perdita inattesa derivante dal modello proposto e quella stimata attraverso la formula regolamentare Ŕ interpretabile come misura del rischio di concentrazione. L’approccio presentato, essendo coerente con il framework di Basilea 2, produce una misura di perdita inattesa congruente con il requisito patrimoniale IRB. L’impostazione teorica suggerita ha quindi il vantaggio di “parlare il linguaggio dei supervisori”: consente di interpretare il divario esistente tra capitale regolamentare e capitale economico nonchÚ di scomporre il rischio di concentrazione nelle sue due componenti (single-name e geo-settoriale). I risultati empirici mostrano la capacitÓ del modello di produrre ordinamenti internamente coerenti e vicini all’intuizione economica: l’esposizione al rischio di concentrazione geo-settoriale Ŕ inversamente correlata alla dimensione degli intermediari.
Una lettura interessante su un tema importante nell'ambito di 2░ Pilastro e ICAAP, anche per i confidi.

Luca

Commenti precedenti:


andrea bianchi (10/11/2010 11.06) n/a

ciao prof.

l'hai letto?

centra qualcosa con la diversa ponderazione per il rischio verso alcune controparti?

cercasi volontari a riassumere.

ciao, grazie.

Luca (10/11/2010 11.11) n/a

@Andrea: Non l'ho ancora letto approfonditamente. Riguarda il secondo pilastro e considera l'estensione del modello dei coefficienti di capitale usato nell'approccio IRB per incorporare il rischio di concentrazione. Non riguarda direttamente i coefficienti di capitale del primo pilastro, né i limiti fissati dalla normativa sui grandi rischi.

(il riassunto dell'autore non è chiaro?)

Sapio (10/11/2010 21.49) n/a

Ci provo: gli intermediari sono esposti anche al rischio di concentrazione geo-settoriale. Questo rischio deve essere calcolato dagli intermediari nel 2■ pilastro. Lo studio quantifica nel 9,1% l'aumento medio del requisito scaturente dal 1■ pilastro a causa della concentrazione. Tale aumento è inferiore per i grandi intermediari e superiore per i piccoli intermediari i quali sono più concentrati.

Dite la vostra:

Name *:
E-mail:
Comment *:

<HTML is not allowed>
Formatting: Basic formatting can be included like so:
[b]bold[/b] and [i]italic[/i]
Linking: Links cannot be included