Il credito alle Pmi torna a fare notizia

Tue 14 Oct 2008, 05:50 PM Stampa

I Google alert che ricevo sul termine "confidi" sono un termometro dell'interesse della rete (e della stampa) per gli argomenti a noi cari. Dalla settimana scorsa siamo passati a 5 messaggi circa al giorno, un aumento vistoso. Oggi ho trovato queste testimonianze di sapore agrodolce sui rapporti tra banche e piccole imprese a Roma dal Tempo.
Sono frequenti anche gli annunci di azioni pubbliche o gli appelli di associazioni datoriali che le sollecitano: oggi Ŕ la volta della Regione Toscana, della Regione Piemonte e di CNA marche. Si tratta di prime misure di risposta alla crisi che rafforzano interventi giÓ collaudati. Saranno appropriate? Saranno sufficienti? Qualche idea nuova prima o poi bisognerÓ metterla in campo.

Luca

Commenti precedenti:


sapio (14/10/2008 19.33) n/a

Un piccolo rimedio alle storie riportate su Il Tempo ci sarebbe. Chiedere a BdItalia di emanare norme applicative dell'art. 116 bis del vigente TUB che riporto per comodità:

Articolo 116-bis (2)

(Decisioni di rating)

1. La Banca d'Italia può disporre che le banche e gli intermediari finanziari

illustrino alle imprese che ne facciano richiesta i principali fattori

alla base dei rating che le riguardano. L■eventuale conseguente comunicazione

non dà luogo ad oneri per il cliente.

sapio (14/10/2008 19.37) n/a

Mi permetto un consiglio agli Enti locali. Lasciate perdere le garanzie e date solo semplici, veloci e trasparenti contributi in conto interessi e, poiché i Mediocrediti che li amministravano non esistono più (quando si dice la preveggenza della BdI :-(), dateli in amministrazione ai Confidi. Se avete ancora la Sabatini 1329 tenetevela cara e, se non l'avete più, rispolveratela. Ve ne saremo grati.

Dite la vostra:

Name *:
E-mail:
Comment *:

<HTML is not allowed>
Formatting: Basic formatting can be included like so:
[b]bold[/b] and [i]italic[/i]
Linking: Links cannot be included