Omaggio all'autunno (e all'Abruzzo)

Tue 31 Oct 2006, 00.31 Stampa

LU PIANTE DE LE FOJJE
di Cesare De Titta
Lu ciel' ććhiuse e ććhiuse la muntagne,
le fjje ggialle casche a un' a une,
e ssi cjje la 'live, e la campagne
tra la nbbie aresne di canzune...
Smpre šta nbbie, amore, gna si cjje
la 'live, e ccasch' a ll' arbere le fjje!

S'alz' a lu ciele tant' e ttante scale
gne tra nu sonne che nen sacce dire;
sajje cantnne l'anem' e rrecle
da 'n ciele 'n trre e jjtte nu suspire...
Purteme tra la nbbie, tra le rame,
na scale, amore, a ll' aneme che ććhiame.

'N cim' a na scale ci šta na fijole
che 'm mzz' a ll' atre voce fa da prime,
e, gna vulss' aretruv' lu sole,
s' aalż' aalże e sse ne va ććhi 'n cime...
Ah cchela voce che ffa da suprane,
amor' amore, falle cant' piane!

Le fjje fa nu piante pe' la vie,
e lu cant' aresone entr' a lu core
gne nu salut' afflitte, gne n'adde
di tante cose bbielle che ssi more,
di tante care nuode che ss' ascijje,
amore, tra lu piante de le fjje.

E' una poesia, e anche una canzone musicata da Guido Albanese: dovete ascoltarla nella strepitosa versione del nostro coro della SAT su questo CD, in rete non c' ancora l'assaggio in mp3, ma il gentilissimo webmaster della SAT mi ha promesso che al ritorno dalla tourne del coro a Mosca esaudir il mio desiderio.
[post scriptum 31/10] promessa mantenuta (grazie!) su questa pagina potete ascoltare o scaricare la prima strofa del canto, il brano nr. 17 del primo CD.


Luca

Commenti precedenti:


Alcide (02/11/2006 18.04) n/a

Davvero molto bella!

Dite la vostra:

Name *:
E-mail:
Comment *:

<HTML is not allowed>
Formatting: Basic formatting can be included like so:
[b]bold[/b] and [i]italic[/i]
Linking: Links cannot be included