Istruzioni Banca d'Italia su Basilea 2 e garanzie

Sat 7 Oct 2006, 11.11 Stampa

Al seminario di ABI Formazione sul credit risk transfer, che ho tenuto ieri a Milano, ha partecipato Roberto Cercone del Servizio Normativa della Banca d'Italia. Ascoltando il suo bell'intervento, ho capito meglio alcune cose su garanzie e Basilea 2, che vi riporto.
Basilea 2 disciplina le garanzie per oggetto, e non per forma giuridica. Troviamo quindi riferimento alle garanzie personali, finanziarie, immobiliari, non a fidejussioni, pegno, ipoteca, priviliegio ecc. Alcune garanzie sono trattate come forme di CRM (credit risk mitigation), altre sono trattate come condizioni incorporate in classi di attivitÓ o tecniche di finanziamento (Ŕ il caso dei finanziamenti su immobili, o della cessione di crediti commerciali, o di certe forme di specialised lending). Nella stesura delle istruzioni, la Banca d'Italia sta facendo un utilissimo lavoro di decodifica e di riscrittura in forma organica delle norme dell'Accordo. In questo modo le banche italiane troveranno un elenco di fattispecie a loro familiari, come quelle che sono elencate su un manuale di di tecnica bancaria. Si potrÓ quindi confrontare, per le diverse forme, dove e come impatta la garanzia: nell'approccio standardizzato, sulla misura dell'esposizione e sul risk weight; nell'approccio IRB, sulla PD o sulla LGD.
Rimangono ancora delle questioni aperte, come ad esempio i finanziamenti su crediti commerciali (anticipi sbf, factoring, cartolarizzazioni). Sorge qui il dilemma se si tratti di cessioni di crediti (quindi di finanziamenti al debitore ceduto) o di prestiti con garanzia di crediti (quindi di finanziamenti al cedente). Sappiamo bene che il controllo della banca sul credito "trasferito" (in senso lato) pu˛ assumere forme molteplici in un ampio intervallo di possibilitÓ (delega all'incasso, cessione pro solvendo, cessione pro soluto, presenza di scarti, franchigie, massimali, possibilitÓ di selezionare i crediti finanziati tra quelli presentati, ecc. ecc. ecc.). Non tutte le forme sono qualificabili come garanzie o come cessioni, ci sono aree grigie, che penso rimarranno.
Le istruzioni dovrebbero essere divulgate in una versione virtualmente definitiva per un ultimo giro di consultazione. Prima della fine dell'anno dovremmo vederle ufficializzate. Il 2007 promette di essere l'anno della Basel-mania (speriamo non della Basel-phobia) per tutte le banche italiane.

Luca

Commenti precedenti:


No documents found

Dite la vostra:

Name *:
E-mail:
Comment *:

<HTML is not allowed>
Formatting: Basic formatting can be included like so:
[b]bold[/b] and [i]italic[/i]
Linking: Links cannot be included